VISITA FISIATRICA GRATUITA


CONTATTACI TELEFONICAMENTE

0651037125




OPPURE CONTATTACI VIA MAIL


Il tuo nome (richiesto)

Il tuo telefono (richiesto)

Questo modulo di contatto raccoglie il tuo nome e il tuo numero telefonico. Per maggiori informazioni, consulta la nostra pagina di PRIVACY POLICY.
 Villa Ardeatina si impegna a fornirti informazioni scientifiche e commerciali nel tuo interesse, senza invadere la tua privacy e, comunque, non più di una volta a settimana.

Accetto la memorizzazione dei miei dati

Acconsento a ricevere comunicazioni commerciali

Cos'è la magnetoterapia

La magnetoterapia, nota come magneto, è una forma di fisioterapia che utilizza le onde elettromagnetiche.
Rappresenta ad oggi una delle terapie piu utilizzate per trattare problemi di varia natura sia post traumatici che cronici. Il meccanismo di base è piuttosto semplice e si avvale dell’uso di onde. Queste interagiscono con i tessuti interessati da una problematica algica, ristabilendo il loro normale equilibrio chimico.
Ogni cellula del corpo è dotata di una determinata carica elettrica, che è il risultato della differenza di potenziale fuori e dentro la sua membrana cellulare, che a riposo oscilla tra -60 e -75 mV, con leggere variazioni da cellula a cellula. Durante un evento infiammatorio di qualsiasi natura la cellula perde carica elettrica,e diminuisce questa differenza di potenziale.
Il processo messo in atto da questo macchinario consiste proprio in una ripolarizzazione della membrana cellulare dei tessuti lesi o infiammati da vari tipi di problematiche, ristabilendo la normale differenza di potenziale delle cellule.Inoltre agisce in modo tale da favorire la rigenerazione dell’osso stesso(osteogenesi) ed è quindi molto utile in caso di patologie dell’osso come l’osteoporosi.Il suo campo d’azione è molto ampio infatti viene utilizzata, oltre che per la sopra citata,anche per patologie come l’artosi, nevralgie di vario tipo, tendiniti, stiramenti, dolori post traumatici e problemi vascolari.

Magnetoterapia la strumentazione

Durante un trattamento di magneto vengono applicati dei magneti sulla zona di interesse oppure è utilizzato un solenoide, apparecchio di forma cilindrica percorso da corrente, che genera un campo elettromagnetico al suo interno.
Questo macchinario puo essere usato variando la frequenza da un minimo di 10 hz fino a 900 hz a seconda dell’effetto desiderato. Infatti si utilizzano basse frequenze per un effetto antalgico, mentre quelle piu elevate hanno maggiore efficacia per la rigenerazione cellulare in caso di esiti post traumatici.
Si distinguono tre tipi diversi di magnetoterapia:

  • Statica
  • A bassa frequenza
  • A alta frequenza

Mentre i primi due tipi agiscono sulla struttura ossea e muscolotendinea,il terzo tipo usa le onde radio e va ad agire sugli organi interni.

Gli effetti della magnetoterappia sui tessuti

La Magnetoterapia ha diversi effetti sui tessuti biologici, i piu importanti sono:

  • osteogenesi, cioè stimola la rigenerazione dell’osso ad opera degli osteoblasti, molto utile nell’osteoporosi e nelle fratture con ritardi di consolidazione;
  • effetto antalgico, favorendo il rilassamento muscolare della zona interessata e riducendo quindi l’infiammazione connessa;
  • effetto rilassante sulla muscolatura liscia e striata, agendo sulle contratture muscolari.

Le patologie trattate da questo macchinario sono tantissime, ne elencheremo le principali:

  • Patologie croniche dell’osso come osteopenia e osteoporosi, artrosi
  • Fratture
  • Dolore post operatorio
  • Edemi
  • Nevralgie
  • Tunnel carpale
  • Vasculopatie
  • Strappi e stiramenti
  • Lombalgie
  • Tendiniti

E’ stato dimostrato da studi scientifici che effettuando questo trattamento per alcune settimane i tempi di guarigione post infortunio si dimezzano. Rappresenta un valido aiuto per il fisioterapista, permettendo di raggiungere gli obbiettivi prefissati in minor tempo.
Abbinando alla magneto la fisioterapia, sedute di osteopatia o l’Idrokinesiterapia tutto il trattamento è potenziato.

Magnetoterapia le controindicazioni

Le controindicazioni all’utilizzo di questo particolare macchinario,proprio per le sue caratteristiche peculiari e per l’uso di onde elettromagnetiche sono:

  • donne in gravidanza
  • portatori di pacemaker
  • pazienti affetti da neoplasie
  • pazienti con malattie neurologiche
  • pazienti con coronaropatie
  • malattie infettive
  • disturbi tiroidei

Quante sedute fare di magnetoterapia

In generale la magnetoterapia richiede tempi di trattamento medio-lunghi, e per avere i primi benefici bisogna sottoporsi almeno una decina di sedute, mentre la durata minima di una terapia è di 30 minuti, variando a seconda del problema da trattare, secondo precrizione medica.
Per i problemi cronici è possibile ripetere piu trattamenti durante l’anno, per migliorare di molto la sintomatologia del paziente e quindi il proprio tenore di vita.